Ritorno a scuola: la merenda sostenibile è biologica, golosa e confezionata nella carta - LifeGate

2021-11-04 10:56:49 By : Mr. David Zhu

Tutti i bambini, almeno una volta, hanno fatto merenda con la crostatina. Quella di Germinal Bio unisce benessere e rispetto del Pianeta, senza dimenticare il gusto.

La scuola è ufficialmente ricominciata e, come ogni settembre, si è ripresentato anche il dilemma “merenda”. Bambini e ragazzi la sognano golosa, le mamme la vorrebbero sana, il Pianeta la chiede sostenibile. E la question è seria perché la merenda non è solo un semplice spuntino: è anche un momento di ricarica delle energie; quella ideale deve avere il giusto apporto energetico e nutrizionale, ma deve anche appagare il gusto e, infine, deve rispettare l'ambiente e le sue risorse. Coniugare questi tre aspetti non è semplice, ma nemmeno impossibile.

Da 40 anni “nutrire la salute con gusto” è la missione del Gruppo Germinal, punto di riferimento del biologico nel mercato dei prodotti da forno, dolci e salati, e dei piatti pronti. Da sempre la filosofia aziendale è quella di unire la bontà al benessere e l'etica alla sostenibilità. Venezia? Uno dei prodotti che, per esempio, racconta questo impegno è la crostatina, la merenda per eccellenza. 

La crostatina al cacao della linea Tutti Buoni di Germinal Bio è golosa perché è costituita da una base di pasta frolla fatta con farina di grano tipo 2 da filiera corta 100 per cento italiana e farcita con una crema al cacao senza latte; è attenta perché gli ingredienti sono biologici nel rispetto della salute delle persone e della natura; è etica perché il cacao e lo zucchero di canna raccolta dal commercio equo solidale (grazie alla collaborazione con Altromercato); è sostenibile perché la confezione è stata realizzata in carta per ridurre l'uso di plastica, mentre l'inchiostro impiegato nella stampa è formulato con oli vegetali commestibili.

Il marchio Germinal Bio sta procedendo a un progressivo passaggio alla carta per le confezioni di i prodotti, un vasto assortimento che comprende anche muffin, tortini, plumcake, biscotti, sfogliatine, barrette. Inoltre, i sacchetti interni di alcuni cereali e biscotti sono realizzati con un materiale innovativo biodegradabile e compostabile, realizzato secondo la norma europea Uni En 13432 e certificato 'Ok Compost'. Grazie a scelte attente, l'azienda utilizza ogni anno il 30 per cento in meno di carta e il 60 per cento in meno di plastica. Tutte i packaging sono riciclabili al 100 per cento, mentre il gruppo continua a investire alla ricerca di nuove confezioni che permettano di ridurre la plastica senza perdere in gusto e fragranza. 

L'impegno del Gruppo Germinal verso la sostenibilità riguarda anche la gestione consapevole dei consumi. Il tetto dello stabilimento dell'azienda ospita un impianto di pannelli fotovoltaici che copre 5mila metri quadrati di superficie. L'energia elettrica prodotta una copertura fino al 75 per cento del consumo medio e il restante fabbisogno, prelevato dalla rete, proviene da fonti rinnovabili.

Lo scorso maggio, il marchio Mangiarsano, capogruppo di Germinal, ha modificato il proprio statuto diventando Società Benefit con l'obiettivo di porre sullo stesso piano il raggiungimento di solidi risultati finanziari con una missione sociale e ambientale. E a giugno l'azienda ha ottenuto la certificazione B-Corp con la quale si prefigge di rispettare i più alti standard al mondo di performance sociale, ambientale, economica e si impegna a considerare gli impatti verso tutti gli stakeholder, dichiarando di credere nella trasparenza , nell'inclusione, nella rigeneratività e nella diversità.

Le B Corps sono aziende che forza utilizzare il business positivo e che lavorare per ridurre la disuguaglianza, per vivere i livelli di un ambiente più salutare per la dignità e proposito. Per ottenere la certificazione le aziende devono documentare il loro impatto positivo durante un rigoroso processo di selezione e sono sottoposte a verifica di ogni tre anni.

“Nel 2021 abbiamo voluto rendere il nostro impegno nei confronti delle persone e dell'ambiente ancora più concreto. La certificazione B-Corp è stata un significativo traguardo perché, su oltre 100mila aziende ad oggi misurato, solo il 3% ha soddisfatto i requisiti di stabilità da B Lab, l'ente internazionale che attesta certificazione”, spiega Emanuele Zuanetti, Ceo e fondatore del Gruppo Germinal. “Vogliamo essere un esempio virtuoso di fare impresa affinché le nostre azioni creino un impatto positivo sulle persone e sull'ecosistema, ma soprattutto ispirino un cambiamento. Abbiamo una responsabilità confrontarci del nostro pianeta e sono convinti che, tutti insieme possiamo invertire la rotta. Dal canto nostro ci impegniamo a promuovere un biologico che garantisce salute e sostenibilità ambientale attraverso un sistema di valori fatto di trasparenza, onestà e rispetto”.

L'azienda, infine, ha anche confermato quest'anno il suo impegno accanto a LifeGate nel progetto Bee my Future a protezione delle api. “Ci impegniamo da sempre per garantire il benessere delle persone, che dipende sia dall'alimentazione, sia dall'ambiente in cui viviamo. Per questo motivo crediamo in pochi semplici valori: il rispetto per la natura, la ricchezza semplice dei prodotti della terra, la sensibilità verso uno stile di vita ecosostenibile, l'attenzione al territorio e alle sue risorse. Che mondo sarebbe senza api? Il futuro dipende dalle nostre azioni e per questo noi di Germinal Bio sosteniamo iniziative concrete per la tutela dell'ambiente e della biodiversità”.

Leggi altri articoli su questi temi: Biologico, bambini, Alimentazione sostenibile, merenda

Con il progetto educativo Momenti da non sprecare e con il concorso Talent Kitchen, Whirlpool porta nelle scuole il tema dello spreco alimentare. Un percorso creativo premiante e solidale.

Andriani e la startup ApuliaKundi hanno avviato un progetto che permette di riutilizzare l'acqua di produzione della pasta per coltivare spirulina biologica.

Con il nuovo packaging interamente riciclabile nella carta, La Molisana taglia 230mila chili di plastica all'anno e prosegue il suo impegno nella sostenibilità.

Anche in agricoltura l'innovazione tecnologica gioca un ruolo centrale. A dimostrarlo è Mutti, con InstaFactory: la fabbrica mobile che scende in campo.

La multinazionale promette di coprire con le fonti rinnovabili il 100 per cento del proprio fabbisogno di energia elettrica e termica.

Intorno punta sull'economia circolare per ridurre l'utilizzo di imballaggi usa e gettare e il food waste nei servizi di ristorazione.

Le tecnologie di Henkel consentono di realizzare buste, imballaggi e cannucce di carta che garantiscono prestazioni paragonabili alla plastica, con un impatto ambientale inferiore.

Geomagworld ha scelto cinque obiettivi di sviluppo sostenibile su cui impostare i suoi piani per il futuro. A cominciare dall'educazione equa e inclusiva.

Con l'obiettivo di produrre materiali ecologici alternativi alla plastica, Mixcycling punta sull'economia circolare. L'intervista a Gianni Tagliapietra.